top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreauchantdescigalous

La migliore escursione a Brusc sur Mer

Volete scoprire un piccolo angolo di paradiso dai mille volti, ben noto a tutti i varani ma ancora selvaggio, così calmo eppure tumultuoso, così mediterraneo ma con un'aria di Bretagna nei venti forti? Tutto questo a meno di 30 minuti a piedi dalla tua casa vacanza Au Chant Des Cigalous? Quindi seguimi fino alla punta di Brusc, dal villaggio, attraverso la laguna, fino alla penisola di Gaou...


Un po' di storia:



Non posso parlarvi di Gaou senza menzionare la Laguna e il villaggio di Brusc, i tre sono inseparabili. Fu nel 3° secolo che venne costruito lo sportello di Tauroeïs (il Brusc), che serviva per rifornire le navi che ancoravano nel porto per i loro traffici tra Massilia (Marsiglia) e l'Italia. Prima della guerra, i Bruscan evocarono la loro indipendenza durante un consiglio municipale di Six-Fours. Il villaggio all'epoca non ebbe successo data la mancanza di un cimitero. Nonostante l'inaugurazione di quest'ultima a Courrens alla fine del XIX secolo, la secessione non era più considerata ma Brusc ne rivendica ancora l'autenticità e l'indipendenza!



Fu solo alla fine della prima guerra mondiale che si cominciò a parlare di Brusc con un nascente turismo, intorno all'albergo per famiglie della Brise des Pins o al Grand Hôtel Beauséjour. Il paese era allora rinomato per il suo clima marino molto iodato, benefico contro la stanchezza generale. Durante la seconda guerra mondiale Brusc fu occupata dagli italiani e poi dai tedeschi prima di essere bombardata nel giugno 1944. Nel dopoguerra lavorarono 48 capi pescatori ma l'attività pian piano declinò e il Brusc divenne gradualmente una località turistica con i suoi 4 attuali pescatori! Nel 1946, l'esercito si trasferì a Brusc con il Centre d'Etudes de la Marine e il suo "laboratorio" di acustica subacquea contro il rilevamento dei sottomarini. Quasi 200 persone vi hanno lavorato fino agli anni 2000. Proprietà demaniale, i 37.000 m2 del sito, in direzione del Mont Salva, non sono ancora venduti... Diverse centinaia di lavoratori hanno lavorato anche a La Coudoulière, nella fabbrica di piastrelle Romain Boyer fino al 1967, prima che vi venissero creati grandi complessi turistici! Tuttavia, di questo passato rimane ancora la "casa del cigno" che è ancora un importante centro culturale e paesaggistico a Six-Fours. Nel 1958 Paul Ricard (con il suo famoso pastis!), acquistò l'isola di Embiez. Le saline saranno definitivamente abbandonate, e l'isola sarà trasformata fino al 1963 in un centro turistico con proprio porto. Così, lo avrete capito, se il Brusc e i suoi dintorni conservano la sua anima di tipico villaggio di pescatori, nel tempo si è rivolto risolutamente al turismo e custodisce gelosamente i suoi ultimi luoghi selvaggi preservati con la Laguna, classificata Natura 2000, e il Gaou . La laguna:


Per arrivare a Le Gaou dal tuo noleggio Au Chant Des Cigalous non devi fare altro che scendere al villaggio e proseguire nel prolungamento del porto per raggiungere questa vasta distesa d'acqua di oltre 500 ettari, protetta a sud da l'isola di Gaou e ad ovest dall'isola di Embiez. Con una profondità inferiore a un metro, questa laguna è doppiamente protetta dal Conservatorio costiero e classificata come sito Natura 2000 dal 2014. Ospita in particolare praterie di posidonia. Questi ultimi, chiamati polmoni del Mediterraneo, contribuiscono all'ossigenazione delle acque e fungono da vivaio per la riproduzione di molte specie di pesci. Si noti che si tratta effettivamente di una pianta acquatica e non di un'alga che potremo trovare una volta morta sul bordo della spiaggia dopo una folata di vento, con l'aspetto di una tinta brunastra. È vietata la navigazione a motore, a piedi o l'ancoraggio. Solo pagaie e canoe sono tollerate per preservare l'ecosistema di questo piccolo paradiso. Lungo la laguna scoprirete alcuni alberi appuntiti dai colori scintillanti, pannelli indicativi della fauna e della flora locali ma anche, facendo attenzione, paletti dell'antico parco delle cozze degli anni 40. È allo studio anche un progetto didattico di allevamento di molluschi. La penisola di Gaou: Poche centinaia di metri più avanti, raggiungerete il Gaou. Prima dell'arrivo è disponibile un piccolo e ambito parcheggio a pagamento, ma è meglio parcheggiare nel parcheggio del porto se si utilizza la macchina! Si tratta di un parco naturale aperto dalle 8:00 alle 20:00 solo per pedoni e biciclette della prima isola. Alla vostra destra troverete il ristorante Vénus du Gaou, molto apprezzato in estate per la sua vista mozzafiato sul mare e i suoi hamburger 100% fatti in casa!


Attraversando la passerella chiamata "petit pas du coq", si erge in lontananza una statua di pietra che apre la strada a quest'isola chiamata Petit Gaou. Fu lo scienziato Robert Forrer, fisico e scultore, a realizzarlo nel 1961. Non possiamo indovinarlo, ma è collocato su un vecchio fortino. Ha così lasciato un ricordo alla sua città adottiva di Brusc, che tanto amava e che ha soprannominato "Il mio paradiso" creando questa "Venere emergente dalle onde". Sua figlia, nel 2012, che aveva servito da modella, decise di salvare l'opera e fece intraprendere dei lavori per fermare l'erosione del calcare, sotto l'effetto congiunto di spruzzi, salsedine e vento.


Alla vostra destra, il Grand Gaou, accessibile solo da un ponte pedonale (lasciare le biciclette a destra del ponte). Fino agli anni '60 questa passerella non esisteva ed era un contrabbandiere, con la sua barca a fondo piatto, che poteva portarvi lì.



Dal ponte, una visuale libera di un mini porto naturale che ti aspetta con alcune barche colorate di pescatori professionisti, le loro reti riposte in banchina e un vecchio capanno: posa foto assicurate in questo luogo pittoresco!



Dall'altro lato vengono proposti vari percorsi per fare il giro della penisola. La mia preferita rimane quella più a sinistra, in questo tratto di costa frastagliata che si affaccia sul mare aperto.



Poi si susseguono minuscole calette dalle acque turchesi con a volte qualche metro quadrato di ciottoli balneabili, nascoste da pini e rocce. In lontananza, l'isola di Embiez e la torre della marina.


Arrivati ​​all'altra estremità dell'isola, sul lato ovest, una piccolissima spiaggia con poca sabbia offre un magnifico panorama dell'isola di Embiez a poche decine di metri di distanza. In leggera pendenza, poco profonda e riparata dai forti venti, è molto frequentata in estate. Meglio arrivare intorno alle 10:00 per fare un tuffo! Potremmo raggiungere Les Embiez da questa spiaggia perché camminiamo, ma l'imbarco su questa isola privata del Paul Ricard è vietato. "Guardiani" sono anche affissi dall'altra parte per dissuaderti!



I guadi, che erano molto popolari fino agli anni '60, sono ancora visibili ma ora devi pagare la barca per attraversare Les Embiez dal porto di Brusc! Nota, nel mezzo dell'isola, una vasta area di scoperta che può essere utilizzata per festival come il Pointu Festival che si svolge a luglio, gratuito e piuttosto rock! Si torna a sinistra, sotto i pini marittimi e i pini cembri. Scolpiti dal vento, sono chiamati pini anemomorfi, con i loro tronchi tormentati e modellati dal maestrale...


Un inebriante odore di resina e il canto delle cicale d'estate ti accompagna poi... Questa parte dell'isola, affacciata sulla laguna, è protetta da barriere di legno e vietata alla balneazione per fauna e flora. Questo sentiero completa la nostra passeggiata in meno di un'ora e ci riporta alla passerella. Di ritorno al Brusc, prendi un gelato o un bicchiere di rosé per riprenderti dalle tue emozioni e preferibilmente al Piadon, un piccolo bar provenzale sempre nel suo succo... Hai già nostalgia di Gaou? Perché non tornare con vento forte per vedere le onde che si infrangono sugli scogli o guardare il tramonto quando il cielo luminoso assume una tonalità dorata?



2 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page